Cerca

Lunedì, 23 04 2018

Note sul Liceo delle Scienze Umane e il Liceo Economico Sociale

Ciò che caratterizza entrambi gli indirizzi sono le Scienze Umane, che possono essere pensate come una dimensione intermedia del sapere, collocabile tra le discipline umanistiche e scientifiche.
Quindi è corretto, semplificando molto, presentare i due Licei a metà tra il classico e lo scientifico, costituiti da materie sia classiche sia scientifiche ma caratterizzati dalla cosiddetta “terza cultura” delle Scienze Umane.


Le Scienze Umane, limitandoci ad una sola riga di definizione, sono:

  • Pedagogia: che studia i metodi e i processi di insegnamento-apprendimento e la loro storia; 
  • Psicologia: che studia il comportamento e il pensiero degli esseri umani; 
  • Antropologia: che studia culture e tradizioni di uomini e popoli diversi da noi;
  • Sociologia: che studia mutamenti, strutture sociali e i ruoli che in esse rivestono gli individui;
  • Metodologia della Ricerca: che studia i metodi per dare fondamento e modelli alle Scienze Umane.

Ad esse si aggiungono Diritto ed Economia (Economia politica nel caso del Liceo Economico Sociale), che studiano le norme che regolano la convivenza tra gli uomini, la produzione e la distribuzione delle risorse. Significativa è inoltre la presenza di Storia dell’arte nel triennio di entrambi gli indirizzi.

 

In ogni caso il termine “Scienze dell’Uomo” ha un significato diverso rispetto a “Scienza della Natura”, poiché le prime non si prefiggono mai la scoperta o la definizione di leggi necessarie, che, una volta formulate, si impongono sui fenomeni prima che essi avvengano. Le teorie a cui approdano le Scienze Umane sono descrittive: permettono la comprensione dei fenomeni dopo che sono avvenuti, senza pretendere la ripetizione necessaria dei medesimi eventi con il ripetersi delle condizioni che li hanno causati. Ciò apre nelle Scienze Umane un margine di variabilità e di soggettività molto superiore rispetto alle Scienze della Natura: un margine in cui trovano ancora spazio l’interpretazione, la riflessione e la libertà umane. Si pensi, per portare un solo esempio, alla psichiatria (o a molti altri ambiti della medicina), a quanto sia povera (in termini sia diagnostici sia terapeutici) quando limitata ad una analisi oggettiva della malattia e del paziente.

 

Anche l’insegnamento delle scienze umane avviene in maniera diversa: non si tratta di imparare teorie empiricamente verificabili, ma studiare ipotesi iniziali da mettere in pratica, perfezionare e comprendere meglio attraverso la ricerca sul campo, la soluzione di problemi concreti e la creazione di prodotti costruiti attraverso la collaborazione tra insegnanti e allievi. Da qui l’importanza degli stage e delle esperienze extrascolastiche a diretto contatto con la realtà studiata, come le scuole, i centri di salute mentale, le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie etc. Ciò spiega il lavoro scolastico a partire da un problema concreto di carattere socio-psico-pedagogico o socio-economico, la cui soluzione consisterà nella creazione di un prodotto socialmente utile (per esempio: uno spot video, uno spettacolo teatrale, un documentario, una ricerca sul campo, un progetto di peer education etc.).

 

Considerate le caratteristiche interdisciplinari di queste attività e l’applicazione della teoria a problemi concreti e a situazioni reali che esse implicano, gli obiettivi a cui mirano consistono propriamente nella formazione di nuove competenze nell’ambito delle Scienze Umane. 

 

Ciò premesso, il Liceo delle Scienze Umane si distingue dal Liceo Economico Sociale per i motivi seguenti:

 

  • Pedagogia è insegnata per 5 anni nel LSU e mai nella LES.
  • Psicologia è insegnata nei primi 4 anni nel LSU e solo nei primi due nella LES.
  • Antropologia è insegnata negli ultimi tre anni nel LSU e solo nel secondo biennio nella LES.
  • Metodologia della Ricerca è insegnata negli ultimi 4 anni nella LES e mai nel LSU.
  • Filosofia nel triennio in entrambi gli indirizzi ma un’ora in meno nella LES .  
  • Lingua e Letteratura Latina sono presenti in tutto il quinquennio del LSU e assenti nella LES.
  • Scienze Naturali sono insegnate per 5 anni nel LSU e solo nel biennio nella LES.
  • Diritto ed economia sono insegnate per 5 anni nella LES e solo nel primo biennio nel LSU.
  • Una seconda lingua straniera per 5 anni è prevista nella LES
  • Il LES prevede più ore di matematica nel triennio. 

 

Il quadro orario e le “Indicazioni nazionali” redatte dalla commissione ministeriale ci permettono di fare questa semplice distinzione: il Liceo delle Scienze Umane è maggiormente concentrato sui processi educativi e formativi in famiglia, nella scuola dell’infanzia e primaria, sulla psicologia individuale, sui legami tra individuo e società, sui servizi alla persona, sull’educazione alla salute e al benessere personale e sociale. Il Liceo Economico Sociale ha invece uno sguardo maggiormente rivolto ai fenomeni sociali su scala più ampia, all’educazione alla cittadinanza, all’integrazione sociale e ai problemi che essa pone, alle leggi giuridiche, economiche e politiche che regolano la convivenza civile.